Profilo Instagram per attività locali: 5 domande da porsi

Instagram sembra essere il Social Network del momento. A Giugno 2018 la piattaforma ha annunciato di aver raggiunto il miliardo di utenti attivi nel Mondo.

Se hai un’attività o un negozio avrai sicuramente pensato a Instagram come nuovo canale di comunicazione. Prima di imbarcarti nella tua avventura, qualche rapido consiglio su quello che potrebbe esserti utile.

1. Il mio settore è adatto a Instagram?

Un utente usa Instagram tendenzialmente per due attività: guardare foto e guardare video.

Da qui deriva la prima domanda che dovrai porti: la mia attività, il settore in cui lavoro è adatto a questo tipo di contenuto?

Inevitabilmente, la storia del marketing degli ultimi anni ha evidenziato come certi settori siano più attrattivi per determinati social piuttosto che altri.

Ti occupi di viaggi, abbigliamento, cibo?

Instagram può essere la risposta che fa per te.

Ricorda sempre di dare uno sguardo a competitor o ai leader di settore.

Imparare dagli errori o dalle eccellenze altrui è molto utile per aiutarti a elaborare una tua strategia.

2. La mia utenza si trova su Instagram?

La seconda domanda che devi porti è se il pubblico a cui ti rivolgi utilizza Instagram.

L’Italia, con 19 Milioni di utenti attivi, è al 19simo posto della classifica globale.

Al primo posto troviamo gli USA con 110 milioni di utenti (fonte Statista.com)

Per quanto riguarda le differenze di età e genere, i dati pubblicati da statista.com a Luglio 2019 ci dicono che la fascia più popolosa su Instagram a livello mondiale è quella tra i 18 e i 34 anni.

Nello specifico ricorda di considerare sempre chi sono le tue buyer pesonas, ovvero qual è la tipologia ideale di cliente a cui il tuo prodotto/servizio si risolve.

Considera i suoi comportamenti digitali nel complesso: sono persone attiva sui Social? Utilizzano Instagram?

Se gestisci un’attività o un negozio locale, oltre ai dati statistici cerca anche di analizzare “il sentito dire”.

Guarda come si comportano i tuoi clienti.

Vedi che pubblicano foto mentre sono nel tuo locale? Qualche “giovane all’avanguardia” ti ha chiesto se avessi un hashtag di riferimento? Dei clienti ti chiedono se possono menzionare la tua Pagina?

Ascolta e monitora il mercato prima di iniziare.

3. Come dovrò muovermi su Instagram?

Nelle sette premesse da considerare prima di portare la tua azienda sui social, ho cercato di spiegarti l’importanza di seguire una strategia.

Avere obiettivi ben chiari, conoscere quanto tempo si può dedicare all’attività social, destinare un budget pubblicitario: sono tutti elementi da tenere in considerazione prima di imbarcarsi in questa “avventura Instagram”.

Non dimenticare il piano editoriale e la strategia di contenuti.

Cosa intendi comunicare sul tuo profilo?

Pesa a contenuti, valori, benefici… alla tipologia di racconto che vuoi fare della tua attività.

Ricorda infatti che il mondo Instagram prevede due grandi tipologie di contenuti.

Storie e feed: ciascun posizionamento richiede logiche differenti in termini non solo di grafica ma anche di tipologia di fruizione.

Sono sicuro inoltre che non commetterai l’errore di pubblicare gli stessi contenuti della tua Pagina Facebook sul tuo profilo Instagram e viceversa.

Ogni canale ha le sue logiche e per te che vuoi sfruttarli al meglio questa è una verità da non dimenticare mai.

4. Come devo presentare la mia attività?

Instagram ha introdotto la possibilità di utilizzare un profilo business per un’attività o un professionista.

Il profilo Instagram Business è la premessa per la tua strategia.

Se hai già un profilo personale e passare a un profilo business puoi leggere questo articolo ma fai attenzione.

Trasformare il tuo profilo personale in un account business è scelta consigliata se vuoi insistere sul tuo Personal Branding.

Se sei un libero professionista o un consulente questa potrebbe essere la strada giusta ma se devi comunicare un’attività locale fai attenzione.

Ipotizziamo che tu gestisca un negozio di abbigliamento.

Ha senso utilizzare il tuo profilo personale per comunicare?

Il mio consiglio è di creare un Account Business dedicato.

Quali sono i vantaggi di un profilo Instagram Business?

  • completezza di informazioni: crea una presenza strutturata con categoria di appartenenza, informazioni di contatto con pulsanti che facilitano invio di una mail, la chiamata telefonica o reperire le indicazioni stradali, un collegamento con il sito web del tuo negozio;
  • instagram insights: consulta le statistiche del tuo account. Quante persone raggiungono le tue foto? Quante persone visualizzano il tuo profilo? E non solo: quali sono le caratteristiche di genere dei tuoi fan? Quando sono online? A quali ore? In quali giorni della settimana?
  • advertising: possibilità di creare campagne promozionali all’interno dell’applicazione per ottenere maggiori visite al sito web o al proprio profilo oppure per incentivare il contatto o la visita alla sede della vostra attività.

Se hai già un profilo Instagram e vuoi analizzare le tue performance ti consigliamo di utilizzare questo fantastico tool: prova subito Ninjalitics.

In pochi secondi avrai un grandissima quantità di dati sul tuo account ma anche su quello dei tuoi competitor.

5. Ho a disposizione delle belle immagini?

Instagram è il Social Network visuale per eccellenza.

Immagini e video dominano l’applicazione.

Per cogliere l’attenzione del tuo potenziale cliente devi dotarti di immagini che sappiano cogliere il suo interesse.

Come ti abbiamo anticipato, storie e feed riflettono due esigenze diverse:

  • instagram stories: sono contenuti rapidi, spariscono in 24 ore, devi essere incisivo e fare in modo che le persone vogliano conoscere la sua storia;
  • instagram feed: le foto che posterai qui sono contenuti eterni a meno che tu non deciderai come utilizzarli. La qualità del contenuto è fondamentale: cosa penseranno le persone quando vedranno le foto sul tuo profilo?

Le storie sono il contenuto più immediato: uno smartphone con una buona fotocamera può essere sufficiente.

Per quanto riguardo invece il feed, la qualità delle immagini deve essere alta.

Se vuoi utilizzare al meglio Instagram puoi scegliere di contattare un fotografo professionista per organizzare un servizio fotografico.

Il mio consiglio è di rivolgersi a un professionista perché potrà cogliere angolature differenti e soprattutto dare uno stile unico e riconoscibile alle tue foto e di conseguenza al tuo profilo.

Soprattutto: pensa e rifletti sui concetti che vuoi comunicare.

Riprendiamo l’esempio del tuo negozio di abbigliamento.

Il tuo punto di forza è la capacità di creare outfit creativi?

Potresti utilizzare le storie per pubblicare i nuovi arrivi oppure mentre crei abbinamenti nuovi per la tua vetrina.

Per il tuo feed, invece, Pubblica una foto mentre scegli con una tua cliente l’abito migliore per l’evento che l’aspetta.

Un’immagine che susciti emozioni potrebbe essere perfetta per te.

Racconta ciò che ti distingue dai tuoi competitor.

Le foto che pubblichi saranno una delle prime cose che salterà all’occhio di un nuovo utente che visualizza il tuo profilo.

Poni attenzioni sia alle immagini che al contenuto delle caption (ovvero il testo di accompagnamento).

In un social sempre più fitto di foto devi distinguerti per attirare l’attenzione.

In questo articolo ho cercato di riassumere le domande che ogni attività locale o negozio dovrebbe porsi prima di decidere di utilizzare Instagram come canale di comunicazione.

Qui alcuni profili di attività che potresti seguire per trarre ispirazione:

Read More
Simone Tonello 12 Settembre 2019 0 Comments

7 premesse utili prima di avviare una strategia di Social Media Marketing

Hai deciso di portare la tua azienda sui Social Network. Alla fine hai ceduto.

Il negozio in fianco al tuo ha da anni una pagina Facebook.

Il tuo amico libero professionista non fa altro che decantare i contatti ricevuti.

E tuo figlio e i tuoi amici?

Continuano a ripeterti che non puoi non stare su Instagram.

Ti hanno convinto: vuoi provare anche tu questo canale di comunicazione anche se ti sembra che sia tardi.

Non preoccuparti: è sempre il momento giusto ma ci sono alcune cose che dovresti sapere prima di iniziare.

Qui ho provato a raccogliere alcuni suggerimenti utili imparati con la mia esperienza.

Premessa 1. I Social, da soli, non risolvono tutti i problemi

I Social media sono canali di comunicazione rapidi e immediati.

I costi pubblicitari sono inferiori rispetto ad altri strumenti, quale ad esempio Google Adwords.

Questo non significa che Facebook, Instagram, LinkedIn e compagnia possano essere la sola strada per rispondere alle tue necessità.

Se hai appena avviato una nuova attività, fare pubblicità su Facebook o su Instagram non può essere la sola via per ottenere nuovi clienti.

Se invece la tua attività è sfortunatamente entrata in un momento di crisi, campagne di social media marketing fini a se stesse non risolleveranno miracolosamente le tue finanze.

Premessa 2. Ti serve una strategia: creatività non significa improvvisazione

Il generale Eisenhower, capo delle forze Alleate durante la Seconda Guerra Mondiale e 34simo presidente degli Stati Uniti disse “Nel prepararsi a una battaglia la pianificazione è indispensabile”.

Prova a immaginare la tua attività sui social Network come una piccola battaglia per catturare l’attenzione degli utenti.

Senza strategia e pianificazione come pensi di cavartela?

Sicuramente potresti ottenere risultati immediati ma cosa succederà nel lungo periodo?

Prima di portare il tuo negozio o la tua attività sui Social prepara la tua strategia.

Potrebbe esserti utile:

  • stabilire il tuo posizionamento sul mercato;
  • definire unique selling proposition: cosa ti rende unico;
  • individuare un obiettivo;
  • scegliere il tuo target di riferimento;
  • definire le risorse a tua disposizione, in termini di tempo, collaboratori e investimento pubblicitario;
  • creare il tuo piano editoriale.

Premessa 3. Tempo e costanza

L’investimento in Social Media Marketing è un investimento i cui risultati si misurano nel lungo periodo.

Certo, puoi organizzare e creare campagne promozionali basate sulla vendita diretta in determinati momenti dell’anno.

Penso al Natale oppure a giornate speciali come Black Friday o Cyber Monday.

Ma ricorda: le persone non vanno sui Social Network per comprare.

Su Facebook & Instagram le persone ci vanno nei “periodi morti” per occupare il tempo: durante la pausa caffé, in fila alle poste, mentre aspettano la fidanzata in ritardo…

Per acquisire clienti sui social network è prima importante creare un posizionamento, avvicinare gli utenti, offrire valore.

Per fare questo ci vuole pazienza: stai per iniziare una maratona, non una gara dei 100 metri.

Premessa 4. Conoscenze, competenze ed esperienza

Postare foto dell’ultimo prodotto arrivato in negozio o promuovere un post con 10 Euro sono operazioni semplici.

Tuttavia, sono sicuro che sei stai leggendo questo articolo desideri qualcosa di più di qualche like.

Se sei arrivato fin qui a leggere ti starai già chiedendo se sei in grado di gestire da solo la tua attività di social media marketing.

I social media sono piattaforme complesse, dei veri e propri ecosistemi: ti sei mai chiesto come viene usato Facebook oggi?

Non preoccuparti se la cosa ti spaventa: non dovrei dirlo ma anche io spesso e volentieri non rispetto il mio piano editoriale e non curo a sufficienza il mio personal branding.

Per gestire un canale social serve tempo e non solo: devi sempre catturare prima di tutto l’attenzione dell’utente.

Per farlo ti servono belle immagini, grafiche accattivanti, una strategia…

Ti svelo un segreto. Spesso, per creare una campagna Facebook per i nostri canali lavora tutto il team al completo: Alessandro lavora all’immagine, Vera alla grafica, Claudia rivede i testi, Stefano mi punzecchia sulla strategia…

Se non riesci a fare tutto da solo, non preoccuparti: puoi iniziare dalle cose più semplice.

In alternativa puoi rivolgerti a professioni e agenzie per richiedere una consulenza dedicata.

Il Marketing Web non è una materia semplice ma questo non significa che non puoi ottenere buoni risultati!

Premessa 5. Non esiste una strategia per il successo

Vorrei tanto farti scorrere il mio newsfeed di Facebook.

Ogni due contenuti troveresti un invito a scaricare la “Guida definitiva per i tuoi canali social”, la “strategia vincente per la tua comunicazione”, il “Metodo infallibile per ottenere risultati”.

La condivisione è uno dei motivi del successo dei Social Network.

Così come la possibilità di poter accedere a un’incredibile mole di contenuti gratuiti.

Tuttavia, ogni mercato, ogni target ha caratteristiche uniche e distintive.

Per questo motivo trovare una “strategia magica” applicabile a tutte le casistiche è impresa ardua.

Certamente per questa “battaglia dell’attenzione” ci sono delle regole da rispettare.

Prendere ispirazione può essere utile.

Fare reverse engineering ovvero “analizzare dall’esterno un sito o una campagna pubblicitaria per capire le ragioni delle scelte di comunicazione o strategiche per poi chiederti: posso applicarla al mio caso?” può essere una pratica utile

Se non sai di cosa si tratta di consiglio di seguire questo video di Luca Mastella sul reverse engineering.

Informarsi, leggere casi studio, seguire gruppi e discussioni ti aiuterà moltissimo ma arriverà il momento di agire.

Testare è un elemento chiave di una strategia di social media marketing.

Un consiglio per evitare un errore che faccio spesso: non aspettare che sia tutto perfetto.

Agisci, testa e monitora: solo così troverai la tua ricetta vincente.

Premessa 6. Acquisire e fidelizzare un cliente è una strada lunga

Hai mai sentito parlare di customer journey?

Wikipedia ci aiuta così: “il percorso e tutti i punti di contatto tra un consumatore e un marchio, un prodotto o un servizio e include, oltre ai momenti di interazione diretta tra cliente e azienda, anche i contatti indiretti, come le opinioni di terzi (social, blog, recensioni)” 

Come puoi vedere dalla mappa qui sotto, il percorso che va dal contatto utente-marca all’acquisto finale e, in seguito, a un secondo acquisto è molto articolato.

Customer journey with touchpoints (Inside Marketing)

Per approfondire ti consiglio la lettura di questo articolo di Inside Marketing

Come puoi vedere, se riassumiamo il percorso dell’utente in cinque fasi: conoscenza; considerazione, acquisto, fidelizzazione e suggerimento, per ciascuna di queste possiamo identificare diversi dei punti di contatto online.

Digital PR, recensioni, email marketing, webinar e video: sono solo alcuni degli strumenti a tua disposizione.

Come puoi immaginare, i Social Network accompagnano l’utente in diversi punti di questo viaggio.

Integrandoli agli altri canali di comunicazione, come il sito web, ad esempio, potrai raggiungere i tuoi utenti con messaggi diversi per ciascuna fase.

Premessa 7. I social non sono gratis.

La presenza professionale sui Social Network non è gratis, purtroppo.

Destinare un budget alle campagne pubblicitarie è divenuta ormai una condizione necessaria per raggiungere i risultati desiderati.

Pensiamo a quello che è successo a Facebook.

Il grafico qui sotto mostra Evoluzione e declino della Reach Organica secondo Bonsey Jaden.

Declino della Reach Organica secondo Bonsey Jaden.

Come puoi vedere, negli anni il numero di persone raggiunte organicamente da un contenuto pubblicato su Facebook è calato drasticamente.

Oggi, se vuoi fare comunicazione sui Social, l’advertising è condizione fondamentale.

Ti starai chiedendo: quanto denaro devo investire?

La risposta è questa domanda non è facile.

I marketers hanno elaborato forme diverse di calcolo dell’investimento necessario.

Alcuni ragionano sui costi necessari affinché il tuo contenuto venga visto da mille persone (CPM), altri partono dal costo per acquisizione contatto (Costo per Lead).

Se ti occupi di un’attività locale che deve lavorare entro un raggio chilometrico ristretto, ti consiglio di considerare un budget minimo di 5 euro al giorno per le tue campagne.

Ovviamente maggiore il budget a tua disposizione, maggiori sono le possibilità di eseguire test su pubblici, immagini, posizionamenti e copy.

Prima di portare la tua azienda sui social network o di utilizzarli come strumento di marketing se sei un libero professionista rifletti bene su questi punti che ti ho indicato.

Misura le tue aspettative, considera il tempo che hai a disposizione e individua obiettivi progressivi.

Se ti serve una mano puoi contattarci: la nostra prima chiacchierata o il nostro primo caffè sono sempre gratis!

Read More
Simone Tonello 16 Giugno 2019 0 Comments

EBOOK GRATUITO: INTRODUZIONE AL PERSONAL BRANDING PER LIBERI PROFESSIONISTI

Inserisci il tuo indirizzo email e ricevi gratuitamente l'Ebook dedicato al Personal Branding per liberi professionisti.

Grazie per aver richiesto il download: controlla la tua casella di posta!